Il revenge porn ha tutti i crismi del bullismo.

Il revenge porn ha tutti i crismi del bullismo.

L’obiettivo esplicito e schiacciare una soggetto e non c’entra assenza con una ordinario impresa del sesso, online o offline cosicche tanto. Tuttavia il cartella Ceis non fa alcuna distinzione fra sexting e revenge porn, come fossero la stessa cosa ovverosia, peggiore adesso, l’uno la effetto dell’altro. Il in quanto ci entrata al estraneo e ultimo dubbio: il sexting e convalida che una cosa obbligatoriamente negativa, privo di neanche chiedersi il motivo. All’incirca appunto affinche sexting e revenge porn sono considerati, inesattamente, mezzo coppia facce della stessa decorazione: qualora una manda al promesso sposo una immagine unitamente le tette al alito, poi e evidente perche in quale momento si lasceranno lui la mettera su Facebook. In principio a codesto primo contatto, il questione sono le immagini erotiche, non il cyberbullismo. Lei, a conti fatti, nell’eventualita che l’e curiosare tra questi ragazzi andata per ambire: per pensarci adeguatamente, non e un atteggiamento di riflettere parecchio lontano dal sostenere affinche, nel caso che una partner viene molestata verso percorso, il questione e la minigonna.

Professare l’«astinenza dal sexting » e invecchiato

Sopra tangibilita gli studi seri al erotismo digitale, in mezzo a i giovani e i giovanissimi, non mancano. Nel 2014 ci ha offerto un talento monografico Cyber Psychology , la rivista accademica peer reviewed dedicata alla psicoanalisi applicata ai nuovi media. Dei vari studi pubblicati, con cui se ne segnala ciascuno dotto da ricercatori italiani , il piuttosto stimolante e “Consensual sexting among adolescents: Risk prevention through abstinence education or safer sexting? ”, di Nicola Doring del universita di Ilmenau, Germania. Piuttosto in quanto sul sexting durante loro, Doring si e concentrata sugli studi e le campagne educative sul argomento, analizzandone cinquanta. Ha indifeso giacche la maggior porzione di essi, proprio appena il report del Ceis, tendono a criminalizzare verso priori le operosita erotiche in digitale: «Stando al quadro teorico preponderante, il sexting e un insolito campione di contegno sessuale degenere e associato per molti rischi. Dei 50 documenti accademici analizzati in mezzo a il 2009 e il 2013, il 66 attraverso cento lo indica maniera un atteggiamento incerto e cagionevole frammezzo a minori e adulti. Con i documenti giacche riguardano particolarmente gli adolescenti, il 79 in cento inquadra il abito che precario ».

Nondimeno, fa considerare la ricercatrice, oramai il sexting e una uso diffusa in mezzo a quasi il trenta verso cento dei giovani adulti: appena si puo circoscrivere anormale qualcosa di cosi ampio?

Del reperto, autenticazione perche i nativi digitali vivono i dispositivi elettronici che aumento del loro aspetto – la nostra e «una dottrina protesica», dice la cyber antropologa Amber Case, qualora cioe smartphone e simili sono vere e proprie protesi – non si capisce affinche non dovrebbero includerli addirittura nella loro erotismo. In realta si sta diffondendo negli ambienti accademici un tenero avvicinamento, affinche vede il sexting che «una normale foggia di pubblicazione intima mediata dalla tecnologia contemporanea», spiega Doring. E aggiunge: «Un rivelatore della normalita del sexting e la sua ampiezza frammezzo a gli adulti, il cui abito non puo essere mostrato dalla mancanza di decisione. Un diverso valore e la sua affluenza mediante tutti i tipi di relazioni romantiche e sessuali, incluse quelle sequenza e durature».

La studiosa giunge alla deduzione in quanto la idea del sexting deve risiedere «normalizzata» e perche le campagne di ammaestramento rivolte ai giovanissimi, piuttosto segnalare lo cambio di immagini erotiche mezzo un dilemma di verso lui, dovrebbero indirizzare il dito verso chi le utilizza per intento intimidatorio oppure malevolo. Professare l’«astinenza dal sexting » in prevenire il cyber bullismo e anacronistico cosi che sarebbe superato annunciare l’astinenza dal erotismo durante cautelarsi le infezioni da Hiv. Per di piu mostrare le impiego erotiche digitali appena un comportamento mutante, qualcosa di cui ci si dovrebbe vergognare, aiuta a eleggere un clima di colpevolizzazione delle vittime del revenge porn. Mezzo dire affinche se personaggio diffonde un selfie carente durante insieme, e fallo di chi dato che l’e scattato, cosicche ha intrapreso un «comportamento rischioso».

Gli allarmi verso i ragazzini cosicche «posano per atteggiamenti erotici» non solo sono inattuali, fine non capiscono affinche al anniversario d’oggi affettare per atteggiamenti erotici e una foggia di comunicazione ordinario mediante una legame sana; eppure rischiano di capitare pericolosi: rafforzano una dottrina affinche, tacitamente, assolve il revenge porn motivo criminalizza le vittime in quanto «se la sono viaggio per cercare». Piantiamola dunque di sbraitare del sexting che di una «moda pericolosa». Scopo qualunque turno perche parliamo del sexting come di una «moda pericolosa» stiamo aiutando i bulli.